martedì , 25 Febbraio 2020
In Evidenza

SCHEDA DI RILEVAZIONE DEI BES

Anno  scolastico  20……./ …….

Scheda  di  rilevazione  dei  Bisogni  educativi  speciali

Scuola”………………………  Sezione  ………….……..

Il presente modello è stato realizzato in ottemperanza alla D.M. 27 dicembre 2012 e alla C.M. 8 marzo 2013 per la rilevazione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali, intesi come uno svantaggio scolastico derivante da vari fattori (Disabilità, DSA, svantaggio socio-economico, linguistico-curturale o Disturbi evolutivi specifici) rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta. 

Il presente modello  è uno strumento di lavoro fondamentale che persegue specifiche finalità:

Per consiglio di classe

Rilevare, riconoscere e capire i bisogni educativi speciali emergenti nella classe sulla base dei quali poter programmare un piano didattico personalizzato. Sarà quest’ultimo ad essere condiviso con la famiglia mentre la scheda di rilevazione, in quanto propedeutica alla programmazione, rimarrà ad uso interno (del cdc e del GLI).

Per il Gruppo di Lavoro dell’Inclusività

Serve a creare una mappatura quantitativa e qualitativa di BES presenti nel nostro Polo sulla base dei qualipoter attivare progetti specifici ritenuti prioritari (laboratori, corsi di accompagnamento allo studio, corsi di alfabetizzazione, lavoratori motivazionali…)

Per la Dirigenza

E’ strumento di analisi per accedere a risorse finanziare specifiche da destinare alle diverse attività.

LA SCHEDA COMPILATA DEVE ESSERE CONSEGNATA O INVIATA TRAMITE POSTA ELETTRONICA AD UNO DEI MEMBRI DEL GLI (XXX).

Alunno/a:  ………………………………………………………………..……………………………………….. Classe:  ………………………….

Luogo  e  data  di  nascita:​………………………………………………..…………………………………………………….…………..

Residenza:​…………………………………………………………………………………………………………………..

Coordinatore di classe, Prof./ Prof.ssa:​……………………………………………………………………………………………….

TIPOLOGIA DI BISOGNO EDUCATIVO SPECIALE RISCONTRATO DAL CDC

(barrare almeno una voce)

□​Disabilità (L.104/92)

□​DSA (L.170/2010)

□​Svantaggio Socio-economico

□​Svantaggio Culturale e linguistico

□​Disturbo evolutivo specifico (deficit attenzione, iperattività, fobia/ ansia sociale e/o scolastica, etc…) con certificato medico

□​Ospedalizzazione o progetto “Far scuola ma non a scuola”

Compilare solo le aree interessate dallo svantaggio riscontrate dal CDC

 Limitazioni  sensoriali□  Vista       □  Udito        □  Altro  …..……………………………………………Limitazioni  motorie□  Motricità  fine           □  Motricità  globale□  Coordinamento        □  Disprassia□  Altro  …………………………………………………………………………….………..Limitazioni  del  linguaggio□ ………………………………………………………………………………………………..Limitazioni  cognitive□  Difficoltà  di  attenzione/  concentrazione□  Difficoltà  di  memorizzazione□  Difficoltà di  comprensione  lessicale□  Difficoltà di  comprensione  logica□  Difficoltà  di  espressione  orale□  Difficoltà  di  espressione  scritta (disgrafiadiscalculia)□  Difficoltà  di applicazione  delle  conoscenze□  Difficoltà  nella  organizzazione  del  tempo□  Funzionamento  cognitivo  limiteProblemi  di  salute□  Degenza  ospedaliera□  Altro  ……………………………………………………………………………………………
Area  socio-economicaelinguistico-culturale□  Svantaggio  familiare□  Svantaggio  economico□  Svantaggio  culturale□  Difficoltà  linguistiche□  Disadattamento  sociale□  Ambienti  deprivati   (quartieri  isolati,  mancanza  di  servizi,  etc…)□  Altro…………………………………………………
Area  affettivo-relazionale□  Difficoltà  di  socializzazione  con  i  pari□  Difficoltà  di  socializzazione  con  gli  adulti□  Attaccamento  dipendente  dai  pari□  Attaccamento  dipendente  dagli  adulti□  Difficoltà  di  autocontrollo□  Mancanza  di  motivazione□  Scarsa  autostima□  Eccessiva  autostima□  Elevata  emotività□  Ansia  eccessiva□  Attacchi  di  panico□  Stati  depressivi□  Comportamenti  autolesionistici□  Comportamenti  eterolesionistici□  Comportamenti  oppositivi/ provocatori□  Comportamenti  aggressivi□  Altri  comportamenti  problematici……………………………
Risorse dell’allievoDiscipline  in  cui  ottiene  risultati  positivi:……………………………………………..………………………………………………………………………………………………………………………………………………….…………………….…………………………………………………………………………………………………………..Attività o interessi  extrascolastici:………………………………………….…………………………….……………………………………………………………………………………………………………………………………………..……………………………………………….…………….……………………………………………Riferimenti  significativi del  contesto  extrascolastico   che  collaborano  con  l’alunno:….……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….………………….…………………………………………………….………………………………….
Risorse da attivare□  Gruppo-classe□  Compagno/i  di  riferimento□  Tutor/  Educatore  scolastico□ Progetto “Tutor per amico”□  Docente  tutor□  Psicologo  scolastico□  Gruppo  di  lavoro  per  l’inclusione  scolastica□  Altro  ……………
Possibili iniziative scolastiche facilitanti□  Attività  personalizzate   nelle  discipline (in orario scolastico)……………………………………………………………………………………………….…….……………………………………………………………………………………………………………….……□  Attività  di  gruppo   nelle  discipline……………………………………………………………………………………………….…….……………………………………………………………………………………………………………….……□  Sportello per  recupero/riallineamento  nelle  discipline……………………………………………………………………………………………….…….……………………………………………………………………………………………………………….……□  Laboratori……………………………………………………………………………………………….…….……………………………………………………………………………………………………………….……□  Particolari  sussidi/ ausili……………………………………………………………………………………………….…….……………………………………………………………………………………………………………….……□  Specifiche  metodologie  didattiche……………………………………………………………………………………………….…….……………………………………………………………………………………………………………….……□  Altro……………………………………………………………………………………………….…….……………………………………………………………………………………………………………….……

Firma  dei  membri  del  C.d.C.

DocenteDisciplinaFirma
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

Data  in  cui  il  C.d.C.  ha  stilato  il  documento,  …………..………………………………………………………….

About Giada Billi

Giada Billi, laureata in Scienze Storiche cum laude all’Università di Bologna e in Psicologia clinica e riabilitativa all’Università di Roma. E’ docente e referente per l’inclusione e contro bullismo e cyberbullismo presso il liceo Torricelli Ballardini di Faenza. Ha pubblicato “rapporti economici tra Italia fascista e Germania nazista durante l’occupazione”per SBC e “Il default islandese” per YCP. E’ socia Mensa Italia dal 2000.