lunedì , 6 Luglio 2020
In Evidenza

RELAZIONE DI PRESENTAZIONE FINALE DSA

Anno  scolastico  20…..…..

Relazione di presentazione dell’alunno/a

alla Commissione  d’Esame

(Legge 170/ 2010)

Alunno:

Classe:


Dati anagrafici

Cognome e nome:​​

Luogo e data di nascita:​​

Residenza:​​​

Dati clinici

Si rinvia alla documentazione depositata agli atti presso la Segreteria didattica di codesto Istituto, datata XXX e firmata dal/ dalla Dott./ssa XXX .

Tipologia di disturbo egravità desunti dalla diagnosi: Grado di compromissione
  LieveMedioGrave
 Dislessia   
 Disgrafia   
 Disortografia   
 Discalculia   

Dati funzionali

Rispetto delle regole□  costante e responsabile□  buono□  discontinuo□  conflittuale□  assente
Relazioni con i pari□  significative e positive□  positive□  superficiali□  passive□  conflittuali
Relazioni con gli adulti□  significative e positive□  positive□  superficiali□  passive□  conflittuali
Motivazioneall’apprendimento□  costante e profonda□  costante□  selettiva□  discontinua□  assente
Partecipazioneall’attività didattica□  assidua e costruttiva□  costante□  selettiva□  discontinua□  passiva
Impegno□  costante e responsabile□  costante□  selettivo□  discontinuo/ inefficace□  modesto
Metodo di studio□  sistematicoed efficace□  sistematico□  buono□  incerto□  assente/ inefficace
Autonomiaorganizzativa□  totale e pertinente□  buona□  parziale□  incerta□  assente
Stile di apprendimento□  visivoiconico□  visivo grafico□  uditivo□  cinestico□  misto
Stile cognitivo□  analitico□  globale□  impulsivo□  riflessivo□  convergente□  divergente□  solitario□  sociale□  autonomo□  dipendente
Aspetti emotivi attinentil’esperienza scolastica□  insicurezza□  disinvoltura□  ansia□  tranquillità□  evitamento□  accettazione□  disistima□  autostima□  sfiducia□  fiducia
 □  stile attributivo interno□  stile attributivo esterno□  senso di autoefficacia buono□  senso di autoefficacia limitato

Dati relativi alla scolarità

Frequenza​□  regolare     □  irregolare

(precisare: assenze, ripetenze, eventuale passaggio da altra scuola)

Strategie metodologiche e didattiche adottate dal consiglio di classe

□   Tempi di elaborazione e produzione più lunghi di quelli previsti per la classe

□   Spiegazioni supportate con mappe concettuali, schemi, grafici, tabelle, riassunti, consegnati anche allo studente

□   Appunti del docente consegnati all’alunno in fotocopie delle lezioni

□   Appunti del docente consegnati all’alunno in file delle lezioni

□   Possibilità di registrare la lezione come alternativa alla stesura degli appunti in classe

□   Testo delle prove di verifica presentate con un carattere di stampa concordato con lo studente

□   Contenuti presentati in piccole unità

□   Utilizzo durante le prove di verifica degli strumenti compensativi e dispensativi concordati

□   Misure dispensative

◊​lettura ad alta voce

◊​scrittura di testi sotto dettatura

◊​prendere appunti  in classe

◊​copiare dalla lavagna

◊​uso del dizionario

◊​eccessivo carico di compiti

◊​rispetto dei tempi standard (tempi di elaborazione e produzione più lunghi di quelli previsti per la classe)

◊​studio mnemonico di formule, tabelle e definizioni

◊​effettuazione di più prove valutative in tempi ravvicinati

□   Misure compensative

◊​tabelle e formulari

◊​schemi  e mappe

◊​calcolatrice 

◊​computer con programmi di videoscrittura, correttore orto-grafico,  scanner

◊​computer con sintesi vocale 

◊​audiolibri

◊​libri scolastici digitali

◊​dizionari digitali

◊​software didattici

◊​audio registratore o lettore MP3 per la registrazione delle lezioni svolte in classe

Proposta di svolgimento dell’Esame di Stato  in funzione delle peculiarità dell’allievo/a

Precisare

•​Tipologia di prove (devono essere coerenti con quelle svolte durante l’a.s.); specificare la veste grafica, etc…

•​Tempi necessari

•​Strumentazione occorrente (esempio: pc con programma di sintesi vocalica, oppure docente ausiliario)

•​Criteri di valutazione (includere una tabella con indicatori)

•​Tipologia di valutazione (ministeriale, equipollente, differenziata)

•​Necessità di assistenza da parte di una figura ausiliaria, specificandone la funzione nel contesto dell’Esame 

•​Eventuali criticità relativamente all’Esame di Stato; e possibili soluzioni per evitarle o limitarne la portata

Allegati

•​Fotocopie di prove svolte durante l’a.s. (qualora adattate)

•​Altro

Data,

I docenti del Consiglio di classe

   
   
   
   
   
Il Dirigente scolastico,

About Giada Billi

Giada Billi, laureata in Scienze Storiche cum laude all’Università di Bologna e in Psicologia clinica e riabilitativa all’Università di Roma. E’ docente e referente per l’inclusione e contro bullismo e cyberbullismo presso il liceo Torricelli Ballardini di Faenza. Ha pubblicato “rapporti economici tra Italia fascista e Germania nazista durante l’occupazione”per SBC e “Il default islandese” per YCP. E’ socia Mensa Italia dal 2000.